mercoledì 27 gennaio 2010

La bontà della Natura

Questa sera voglio parlarvi di una pianta quasi per niente conosciuta.
Lo faccio non perchè io studi le piante, ma perchè è periodo di carnevale
ed in Lucania viene utilizzata soprattutto in questi giorni.
Se si va in nord Europa si può assaggiare sotto forma di cren.

Armoracia rusticana
ovvero il Rafano.

Nonostante io sia Lucana non conoscevo questa radice utilizzata molto
in cucina nella zona della Val d'Agri.
Tempo fa in questo periodo, a pranzo da amici, assaggio questa radice bianca
grattugiata su un piatto di strascinati al sugo.
Leggermente piccante, dal sapore aromatico e molto caratteristico.
Ovviamente incuriosita dalla pianta a me sconosciuta chiedo spiegazioni a mio babbo
e scopro che nel nostro terreno vi sono tante piante di rafano, abbandonate ormai da anni,
dopo la morte della mia cara bisnonna.
Tanti anni fa la piantò per utilizzarla.
E' veramente buona, la utilizziamo spesso e l'abbiamo regalata per farla conoscere.
Ovviamente ha tante solite e splendide proprietà che tutti ora ricercano in qualsiasi pianta!
casa2009 240 da te.

casa2009 241 da te.

casa2009 024 da te.
casa2009 037 da te.

..Proprio come faceva la mia nonnina..
Ed anche questa volta la saggezza e la tradizione sono state tramandate.

8 commenti:

  1. Ehi, fatina, ma come fai ad essere così attuale e così....antica tutt'insieme?
    Un abbraccio
    Giulia

    RispondiElimina
  2. ...scusa per le domande,... le tue foto sono così belle che sembra un mondo incantato !!!
    Ciao Elisa

    RispondiElimina
  3. Ciao ti ho scoperta solo ora ma inizierò a seguirti,davvero interessante il tuo blog e, poi, posso non seguire una lucana come me?!? La conosci la rafanata?

    RispondiElimina
  4. Ciao!
    Proprio la settimana scorsa ho acquistato del rafano al mercato dei contadini ed ho fatto qualche vasetto di cren. E' fortissimo! Mi lacrimavano gli occhi! Però opportunamente diluita la salsa di rafano è eccellente.
    Come lo usava la tua nonnina???
    Sono curiosa :P

    RispondiElimina
  5. Non conosco personalmente la pianta di rafano...ma possiamo iniziare!
    ff

    RispondiElimina
  6. il tuo mondo è bellissimo!!
    gra

    RispondiElimina
  7. ciao altea, sai che non ho mai trovato il rafano nelle mie colline? io sono a Reggio E., dovrebbe esserci selvatica vero?

    RispondiElimina
  8. Noi stiamo aspettando che passino i tre anni necessari a far ingrossare la radice, per poterla raccogliere.
    Abbiamo messo in terra due anni fa quattro radici che abbiamo portato dalla slovacchia, raccolte nei bassi tatra.
    Adoro il suo sapore balsamico, per adesso utiliziamo una salsa "compra" (come si dice dalle ostre parti".
    Quello nero l'hai già assaggiato?

    ...una pianta che già ho provato svariate volte a coltivare ma proprio non mi sopravvive è il Rabarbaro.
    Ne vorrei una costa cruda da sgranocchiare adesso!

    ciao Althea.
    complimenti

    ...la

    RispondiElimina